- La galleria d’arte online per comprare opere d’arte moderna e contemporanea in modo sicuro -
+39 081.818.63.25 (9.30 – 13.00 / 15.00 – 19.00)
info@morraartstudio.com
Investire arredando i propri spazi 
Investire in arte arredando i propri spazi 
Renato Mambor
Voglio fare di tutto, ballare, cantare, scrivere, giocare, fare del cinema, del teatro, della poesia, perché dipingere non è un modo di fare ma un modo di essere.

Ritratto di dama con oggetto

Opera unica di Renato Mambor realizzata ad acrilico su tela cm. 100 x 120 anno 2011

Informazioni aggiuntive

Altezza

100

Larghezza

120

Tecnica

Acrilico su tela

Anno

2011

Tipo Edizione

Opera unica

Renato Mambor

Ritratto di dama con oggetto

 : Quotazioni e Prezzi aggiornati
Se desideri acquistare quest'opera d'arte : 
Acrilico su tela, Opera unica, anno 2011
o vuoi più informazioni, non esitare a contattarci cliccando qui sotto oppure via WhatsApp o telefono.
Richiedi ulteriori informazioni sull'opera 

Ritratto di dama con oggetto

 dell'artista 
Renato Mambor


    (Inviando il presente modulo si accetta implicitamente la nostra Privacy Policy. Il suo indirizzo email sarà utilizzato esclusivamente per rispondere alla Sua richiesta e non ceduto a terzi in alcun modo.

    Come acquistare
    Siamo lieti del tuo interesse per quest'opera d'arte. Ti forniamo questo breve testo guida nel caso fossi interessato ad acquistarla.
    Ti ricordiamo che puoi acquistare anche scrivendoci via email (info@morrartstudio.com), o contattandoci via telefono o WhatsApp (339 80 10 001) o venendo fisicamente a visitarci.

    PREZZO
    Se il prezzo è visibile nella scheda dell'opera puoi cliccare "AGGIUNGI AL CARRELLO" e procedere al pagamento su piattaforma esterna sicura Stripe, via Bonifico attraverso le coordinate fornite in fase di acquisto e con spedizione via Corriere Assicurato (o ritiro in sede).

    Se il prezzo non è visibile puoi utilizzare l'apposito modulo cliccando qui sopra su "Richiedi informazioni sull'opera..." oppure contattandoci telefonicamente o via WhatsApp attraverso questo numero 339 80 10 001.

    SPEDIZIONI
    Le spedizioni sono assicurate, per maggiori informazione non esitare a contattarci.

    PAGAMENTI Accettiamo pagamenti attraverso le principali Carte di Credito o Bonifico Bancario.

    Le transazioni dei pagamenti online avvengono su piattaforma esterna sicura dedicata Stripe).

    Morraartstudio.com è protetto da protocollo HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure).

    Anteprima proporzioni dell'opera 

    Ritratto di dama con oggetto

     di 
    Renato Mambor

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Nasce nel 1936 a Roma.
    Esordisce nel 1959, a ventitré anni, assieme a Cesare Tacchi, in mostra con Mario Schifano.
    Nell'ambito dei serrati accostamenti d'avanguardia tra Roma (Schifano, Uncini, Lo Savio, Tacchi, Festa, Angeli), Milano (Manzoni, Castellani, Bonalumi), la Francia (Klein e il critico Pierre Restany, impegnato nel sostegno del suo "Nouveau R‚alisme") proposti da Emilio Villa nella propria galleria "Appia Antica". Segue il riconoscimento nel 1960 tra i "Premi di incoraggiamento" della Galleria d'Arte Moderna; le mostre collettive alla Galleria "La Tartaruga" di Plinio De Martiis (1963, 1964 e anni seguenti) che mettono a fuoco la riconoscibilità di un gruppo Mambor, Tacchi, Lombardo, con caratteri distinti rispetto ai protagonisti delle esperienze avanguardistiche romane del momento.


    Negli anni Sessanta, dunque, diventa parte integrante della "Scuola di Piazza del Popolo", che fu come la risposta italiana, tra metafisica e futurismo, alla Pop Art americana. Sagome e segnali stradali, ricalchi fotografici, timbri con omini, tele eseguite con rulli da tappezzeria, costituirono la sua cifra di riduzione stilizzata delle icone della cultura massmediale. Ma l’interesse per il teatro lo portò a privilegiare ricerche d’ambiente, con strutture come "L’evidenziatore" (1967), strumento meccanico per agganciare oggetti e spostarli nel mondo dell’arte.

    Nel 1975 fonda il gruppo Trousse per perseguire "un teatro fortemente visivo ma attento alle dinamiche psicodrammatiche". Torna alla pittura negli anni Novanta sviluppando temi della percezione ("L’Osservatore", il "Decreatore"). 

    IL RITORNO ALLA PITTURA

    Mambor si è sempre dichiarato pittore e alla pittura torna dal 1987, con il desiderio non più di rintracciare la forma esterna che coincide con il nome delle cose, ma di «ripercorrere il procedimento per cui tale forma si è determinata» (R.M.).
    Rintraccia la ‘funzione’ degli oggetti d’uso e i ‘processi di formazione’ degli avvenimenti della natura.

    Un tema, nato in teatro nello spettacolo “Gli Osservatori”, torna ad interessarlo: un disegno del suo profilo, ritagliato e applicato al vetro di una finestra che lascia scorgere il verde delle piante, lo induce ad una riflessione sull’osservare, sulla cosa osservata, e sulla possibilità di cambiamento dello sguardo.

    Scrive: «Nel ritorno alla pittura dagli anni ‘90 nasce l’ultima produzione in cui l’opera è una figura ambigua. Esiste un’interazione dinamica tra l’oggetto esterno da rappresentare e le strutture concrete della superficie pittorica. Nelle opere di questi anni il piano del soggetto e quello dell’oggetto sono presenti insieme. È l’occhio di chi guarda a scegliere. Il quadro offre un’oscillazione allo sguardo, richiede una mobilità».
    La sua immagine di profilo o di spalle, senza volto, è entrata nell’opera. Indica una assunzione di responsabilità dell’esperienza, non un fatto narcisistico.

    Può cambiare posizione, ogni spostamento muta intorno l’ambiente.
    L’“Osservatore” è in rapporto con coltivazioni di tecniche diverse di pittura.
    Il “Riflettore” esce dal quadrato monocromo della tela e lascia dietro di sé un oggetto d’uso.
    Il “Testimone Oculare” è posto di spalle davanti a movimenti che rompono un ordine dato.
    Il “Decreatore” permette allo spettatore di spostarlo, svelando altri spazi …
    Le definisce “Posizioni Filosofiche”.

    Mostre in Italia e all’estero presentano opere pittoriche, scultoree, installative, fotografiche, performative, in un percorso di ricerca continua e rinnovata, che mantiene il presupposto della bidimensionalità ma con una direzione di senso.

    ANNI 2000

    Dalle “Ombre Immutabili” al “Karma Mutabile”, da “Connessioni” a “Fili”, da “Sprint” a “I Riguardanti” e “Mandala e Gargoyle” la ricerca di Mambor negli anni 2000 crea un «repertorio vastissimo di figure che fanno tutte riferimento ad un universo concettuale che non interpreta la differenza come contrapposizione, denominazione, subordinazione…» (Gianluca Ranzi). Le figure entrano in uno spazio in cui sono “Tutti sullo stesso piano”.
    Nel 2007 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, presentato da Achille Bonito Oliva, mostra i “Separé”.

    L’artista si lascia osservare dall’opera, creando una circolarità in cui è coinvolto lo spettatore, invitato a dare una nuova interpretazione di se stesso.
    Il suo lavoro dagli anni ’90 inizia nel cambiamento che sa operare come uomo, così da poter trasformare anche la sua opera.
    «Prima di cambiare le forme dell’arte dovremmo cambiare le forme dei nostri pensieri» (R.M.).
    Sceglie la bidimensionalità perché linguaggio della contemporaneità, ma va a investigare una nuova dimensione in cui esiste la trasformazione, il superamento della contrapposizione delle polarità (oggettivo–soggettivo, inquietante–rassicurante, arte–vita …), la consapevolezza che la profondità «si nasconde nella superficie».
    L’artista Mambor fa esperienza come essere umano della propria vita perché quella sia un capolavoro, e testimonia il suo stato vitale nell’opera che rimarrà nel futuro. Lo sguardo dello spettatore allenato e rinnovato a diventare Osservatore può leggere la dimensione etica, leggera, vibrante dell’opera di Mambor.
    «L’artista non certifica l’esistente ma è colui che pone i semi del futuro» (R.M.)

     

     

    Altre opere di 
    Morra Arte Studio -  info@morraartstudio.com -  tel. +39 081.818.63.25 - Via G. Matteotti, 1 Qualiano ( NA ) ITALY -  P.Iva (Vat) 03053260646
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram